Tradizioni popolari e folklore
Tradizioni | Folklore | Feste | Storia vita popolare | Letteratura popolare | Musica e danze popolari | Arte popolare | Superstizione

La Pasqua.
La festa di Pasqua, tradizioni di Pasqua, riti pasquali nel passato.

La Quaresima e la settimana Santa di Pasqua.

Pasqua è il giorno della Resurrezione di Cristo.
Valore purificatorio ha l'acqua benedetta che il contadino abruzzese mette nelle vivande.
Nella Venezia Giulia si beve a digiuno un mezzo bicchiere di acqua santa, ma subito si mangiano due uova sode e una focaccia innaffiata col vino bianco.
Il significato del fuoco inteso come purificatore è meno avvertibile, ma in alcuni paesi, ad esempio a Coriano (Rimini) come per altre feste, si accendono grandi falò la sera della vigilia di Pasqua. Nelle vallate altoatesine si porta il fuoco benedetto protettore nei campi.
Originali sono i falò di S. Marco in Lamis (fracchie) trascinati su ruote.
A Firenze, già alcuni secoli avanti il mille, si usava recare in ogni casa il fuoco sacro “a modo si facea in Jerusalem”: un sacerdote, traendo una scintilla da una lente o da una selce accendeva un cero, e da questo prendevano le loro fiammelle tutte le altre candele. Poi, agli inizi del Trecento, si usarono tre pezzi di selce, che, secondo una leggenda, erano tolte dal santo sepolcro e donate da Goffredo di Buglione alla famiglia dei Pazzi: attraverso i secoli, e grazie alle naturali attitudini artistiche fiorentine, si giunse al costume del carro, carico di fuochi d'artificio.
La sequenza delle forme rituali tradizionali si prolunga nel lunedì in albis, sia con festose scampagnate, sia con processioni e manifestazioni di esaltazione devozionale.
A Napoli, per esempio, si fa il pellegrinaggio al Santuario della Madonna dell'Arco, nella zona vesuviana.

Le feste collegate alla Pasqua e al periodo pasquale:

Le altre feste popolari nel corso dell'anno. Per saperne di più sulla Pasqua.